Get Adobe Flash player

Esame e Piano di Trattamento

Indicazioni per il trattamento implantare

Mascelle e mandibole parzialmente o totalmente edentule, così come mancanza di singoli denti.

Esame pre-operatorio

La procedura pre-operatoria prevede una valutazione generale della salute del paziente e un'indagine orale, sia clinica che radiografica.
Particolare attenzione è dedicata alle mucose orali, alla morfologia mascellare, all'anamnesi dentale e protesica e a segni di disfunzione. L'esame radiografico valuta la qualità ossea e la topografia del processo alveolare residuo.02 La valutazione radiografica iniziale, unitamente a quella clinica, rappresenta la base per classificare un paziente come idoneo o meno al trattamento implantare. Se il paziente è ritenuto idoneo, si eseguirà una valutazione clinica più approfondita dell'area da trattare e della mascella antagonista. Qualunque forma patologica a livello della mascella o della mandibola dovrebbe

Pianificazione pre-operatoria

Modelli delle due arcate vengono montati su un articolatore, e si studia il rapporto tra le creste alveolari e i denti. Sul modello viene effettuata una ceratura diagnostica in sostituzione dei denti mancanti.
Si esegue quindi un'analisi per valutare il piano occlusale, la distribuzione delle forze e dei siti ottimali per gli impianti. Una volta ottenuta la situazione ottimale sull'articolatore, si realizza un duplicato del modello in cera, ricavando da quest'ultimo una dima acrilica. La dima viene utilizzata durante l'installazione degli impianti e serve come guida, sia in termini di posizione che di inclinazione, 02tenendo in considerazione fattori anatomici, funzionali, estetici, igienici e fonetici. Una Guida Radiografica trasparente, raffigurante impianti a diversi ingrandimenti, si rivela particolarmente utile quando si devono programmare la posizione e la direzione ottimale dell'impianto.

Protocollo chirurgico

Si dovrebbero prendere in considerazione fattori quali la scelta di una metodica one-stage o two-stage, così come il tempo di guarigione previsto prima del carico dell'impianto, anche se l'approccio finale sarà deciso durante l'intervento. Questa scelta deve essere sempre basata su un giudizio clinico della qualità ossea disponibile e della stabilità iniziale degli impianti.Fattori che influenzano la relazione impianto-osso sono:

  • Quantità ossea
  • Qualità ossea
  • Diametro del sito preparato per l'impianto
  • Profondità del sito

Inserzioni nella seconda fase chirurgica di tre viti di guarigione adeguate al diametro dei denti della protesi.
Impianto distale di largo diametro.

Visione occlusare dei pilastri.
Notare il diametro maggiore del pilastro distale.

Visione vestibolare dei tre pilastri UCLA avvitati a 32 Newton.

Visione vestibolare delle tre corone rese solidali.

Sezione esplicativa dell'intervento.

Inserzione di un impianto autofilettante.(Osseotite)